Digimat elimina le congetture dal processo di sostituzione dei materiali con valori di progettazione, parametri consentiti e modellazione dei crash più accurati

Nella nuova release è stato aggiornato il test virtuale per i materiali ad alto contenuto di fibre con analisi più veloci di 10-100 volte e posizionamento del modello Melro; è stata inoltre implementata l’analisi di danneggiamento progressivo utilizzando il modello Camanho

Horizontal spacer

LUSSEMBURGO - 12 novembre 2019e-Xstream engineering, parte di Hexagon e leader di mercato in servizi di ingegneria e software di simulazione dei materiali, ha annunciato l’introduzione di nuove capacità evolute atte a ricavare valori di progettazione più accurati per i materiali compositi rinforzati con fibre, modellare i crash strutturali dei composti Sheet Moulding Compound (SMC) e comprendere i limiti di sicurezza dell’alleggerimento utilizzando il metodo Camanho.

Digimat 2019.1 offre agli ingegneri meccanici un nuovo approccio per determinare le proprietà Ammissibili in settori critici per la sicurezza, integrando i test fisici per determinare la variabilità e le prestazioni dei materiali attraverso la simulazione e per accrescere la fiducia nei test “virtual coupon”.

Digimat implementa ora il modello per l’analisi di danneggiamento progressivo del Professor Camanho, che permette agli utenti di modellare in maniera esaustiva il modo in cui le scelte dei materiali influiscono sulla rottura di materie plastiche Continuous Fibre Reinforced Plastic (CFRP) dal coupon al pannello finito e di migliorare l’accuratezza delle proprietà Ammissibili per i materiali compositi. Gli sviluppi di modelli complementari in questa release consentono ai professionisti di ottenere stime migliori dell’effetto di difetti quali porosità, ondulazione fuori piano e delaminazione, per calcolare fattori di margine più accurati e tolleranze appropriate.

Philippe Hébert, Product Manager di e-Xstream engineering, ha commentato: “Da molto tempo gli Ammissibili vengono correlati ai limiti di sicurezza dei metalli, ma ora che la sostenibilità favorisce l’alleggerimento, occorre una simulazione più accurata delle rotture dei materiali compositi nelle strutture fabbricate. Basandoci sulle approfondite ricerche del professor Camanho, possiamo offrire ai produttori strumenti potenti che integrano e completano i loro test fisici, consentendo loro di risparmiare sui costi e ottimizzare l’utilizzo di materiali nelle fasi iniziali del processo di progettazione.”

È stata inoltre migliorata la modellazione dei materiali per le materie plastiche CFRP ad alto contenuto di fibre. L’analisi della microstruttura sostituisce ora il posizionamento casuale delle fibre con posizioni realistiche basate sul modello statistico Melro per consentire l’ingegneria diretta del materiale.

Il meshing di geometrie complesse alla densità e alla scala desiderate per l’analisi a elementi finiti è raramente attuabile. Un nuovo solutore Fast Fourier Transform (FFT) consente di analizzare le microstrutture dei materiali compositi avanzati ed effettua calcoli 10-100 volte più velocemente. Eliminando il dispendio di tempo dovuto al meshing e accelerando l’elaborazione, gli utenti possono esaminare più materiali e indagare le prestazioni di un dato materiale su più dimensioni.

Digimat 2019.1 migliora ulteriormente anche la simulazione del processo di fabbricazione. Gli ingegneri possono ora prevedere accuratamente la vita a fatica per progettare design più precisi dei componenti utilizzando materiali di tipo Short Fibre Reinforced Plastic (SFRP). Un nuovo modello derivante dalla continua collaborazione con DSM Engineering Plastics ottimizza la modellazione della fatica per prendere in considerazione la plasticità locale nei materiali SFRP sottoposti ad ampiezza di carico costante.

Un approccio del tutto innovativo alla modellazione dei crash strutturali consente ora agli ingegneri di comprendere meglio come i problemi di fabbricazione più comuni influiscono sui composti Sheet Moulding Compound (SMC), per esempio permettendo l’alleggerimento durante la progettazione per le applicazioni nel settore automobilistico. Il modelling integrato prende in considerazione anisotropia variabile, propagazione del danneggiamento e debolezza della linea di saldatura.

 

Hexagon | e-Xstream engineering

Hexagon è leader globale in soluzioni per sensori, software e autonome. Mettiamo al lavoro i dati per incrementare efficienza, produttività e qualità in applicazioni industriali, di fabbricazione, infrastruttura, sicurezza e mobilità. Le nostre tecnologie stanno modellando gli ecosistemi produttivi e urbani per favorire una connessione e un’autonomia sempre maggiori e garantire un futuro sostenibile e scalabile.

e-Xstream engineering, parte del reparto Manufacturing Intelligence di Hexagon, si focalizza interamente sui materiali. e-Xstream sviluppa Digimat, la piattaforma di modellazione di materiali multi-scala leader di mercato, e MaterialCenter, un software di data lifecycle management. Per maggiori informazioni visitare il sito www.e-Xstream.com.

Il reparto Manufacturing Intelligence di Hexagon fornisce soluzioni che utilizzano i dati da progettazione, engineering, produzione e metrologia per rendere la fabbricazione più intelligente. Per maggiori informazioni visitare il sito hexagonmi.com.

Hexagon (Nasdaq Stockholm: HEXA B) ha un organico di circa 20.000 dipendenti in 50 nazioni e un fatturato netto di circa 3,8 miliardi di euro. Per maggiori informazioni visitare il sito hexagon.com e seguire @HexagonAB su Twitter.

Contatti stampa

Mira Toth
Marketing & Communication Manager
e-Xstream engineering
Mira.toth@e-xstream.com

Robin Wolstenholme
Global Corporate PR & Media Specialist
MSC Software, parte di Hexagon
Cellulare: +44(0)7407 642190
E-mail: robin.wolstenholme@mscsoftware.com

Il logo MSC Software e MSC sono marchi o marchi registrati di MSC Software Corporation e/o controllate negli Stati Uniti e/o altre nazioni. NASTRAN è un marchio registrato della NASA. Tutti gli altri marchi, nomi di prodotti o marchi registrati appartengono ai rispettivi proprietari.