MSC Software - Technology Day 2019

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale

Horizontal spacer

Perseguendo con entusiasmo ed impegno nell’opera di disseminazione tecnologica per studenti e ricercatori, e nell’ambito di consolidate e proficue collaborazioni con le università, MSC Software ha tenuto presso l’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale – Dipartimento di Ingegneria civile e meccanica, un seminario di aggiornamento e approfondimento sui  principali strumenti di calcolo e simulazione di MSC Software (Adams e Marc) utilizzati in ambito automotiveaerospace e general machinery. Sono stati introdotti i più recenti sviluppi e le principali tendenze nell’evoluzione tecnologica nell’analisi CAE a supporto della progettazione dinamica, strutturale, enfatizzando l’importanza di uno studio multidisciplinare e multifisco e la correlazione con la sperimentazione, al fine di  per poter verificare e validare il prodotto prima ancora della sua effettiva realizzazione, conseguendo in questo l’obiettivo (la missione di MSC Software) di rendere la simulazione sempre più predittiva, accurata e realistica.

Il seminario ha illustrato dapprima i principali punti di forza delle varie tecnologie ricorrendo specifici casi industriali ed universitari riguardanti analisi Multibody e multidisciplinari, mostrando come nell’intero percorso progettuale si possano includere analisi e discipline diverse, dalla cui integrazione, in un ambiente collaborativo, si ottengano modelli matematici di simulazione estremamente accurati, efficaci ed efficienti.

Nell’intervento successivo è stato introdotto il codice per simulazione nonlineare strutturale e multifisica Marc, illustrandone i principali punti di forza che lo rendono unico nel panorama degli strumenti di simulazione FEM, quali il remeshing, il database di materiali , le funzionalità di contatto, l’archiettura aperta, il calcolo parallelo. Una trattatazione a parte è stata poi dedicata ai materiali elastomerici e alla analisi multifisica multibody-FEM e CFD-FEM.

Infine, il seminario, a cui hanno partecipato oltre 20 studenti e ricercatori (i quali hanno riportato impressioni molto positive incoraggiando a proseguire nell’iniziativa per i prossimi anni), è stato completato con l’introduzione dei principali processi di Additive Manufacturing, l’importanza di questa nuova e dirompente tecnologia sia per l’aspetto di processo manifatturiero, ma anche per tutte le sfide ingegneristiche e progettuali che comporta, dall’ottimizzazione topologica, alla caratterizzazione del materiale, dalla necessità di predizione degli aspetti strutturali, all’importanza di investigare le problematiche multifisiche e micromeccaniche associate al processo, con la necessità di conoscere e capire  (e quindi predire) prestazioni, criticità, difettosità, vita a fatica, fattibilità, validazione dei componenti e dei sistemi realizzati mediante fabbricazione additiva.

Sono stati presentati i principali codici di simulazione di processo (MSC Simufact Additive e Digimat Additive) che permettono di predire e valutare, sia per i materiali metallici che plastiche e compositi, gli aspetti microscopici e macroscopici della struttura ottenuta mediante AM, tenendo in considerazione gli aspetti termici, di posizionament o orientamento del pezzo sulla tavola, del percorso scelto per il deposito delle polveri o dei filamenti di materiale, delle dimensioni, posizionamento dei supporti, della loro rimozione in termini di deformazioni e stress residui, valutando prima ancora di costruire effettivamente il pezzo, le condizioni ottimali di processo per riuscire a realizzare il prodotto al primo colpo, senza onerosi, obsoleti, inaccettabili processi del tipo “TRIAL and ERROR”.

Nel pomeriggio al seminario è seguto un workshop interattivo con gli studenti che hanno potuto imparare a modellare, simulare e postprocessare con MSC Adams un sistema meccanico, ricevendo nel contempo le informazioni per poter espandere le proprie conoscenze e competenze sul codice di calcolo più diffuso , accurato, affidabile e completo.

“Where Simulation Gets Real” è infatti il nuovo paradigma di sviluppo tecnologico di MSC Software, che si avvale non solo dei più diffusi, validati ed accurati strumenti di simulazione nel mondo, confermandosi leader indiscussa in ambito CAE, ma anche del recente ingresso nel gruppo Hexagon, principale fornitore di soluzioni di Information technology, volte a migliorare produttività e qualità in applicazioni industriali e geospaziali, integrando  sensori, software, conoscenze specifiche e flussi di lavoro in ecosistemi intelligenti che forniscono informazioni pratiche.